uovo2 uovo1

Nell'aprile del 2005 ci siamo fatti prestare dalla mamma di una nostra alunna un'incubatrice e alcune uova fecondate.

L'utilizzo dell'incubatrice è abbastanza semplice. Al suo interno una lampada si accende e si spegne, mantenendo la temperatura interna costante.
Nel sottofondo va messa dell'acqua per assicurare un ambiente umido (circa il 60% di umidità).

L'impegno maggiore è costituito dalla rotazione delle uova. Nell'incubatrice le uova vanno ruotate delicatamente di 180° almeno due volte al giorno.
Compatibilmente con gli orari della scuola, noi le giravamo la mattina alle 8 e il pomeriggio verso le 16. La maestra che ha organizzato l'esperimento andava a scuola a girarle anche il sabato e la domenica.
Abbiamo contrassegnato ogni uovo su un fianco, in modo da non commettere errori!
Girare l'uovo è importante perchè impedisce all'embrione di attaccarsi alle membrane interne dell'uovo (con conseguente morte dell'embrione).
Inoltre la rotazione consente di distribuire meglio all'interno dell'uovo le sostanze nutritive e di scarto.

Di solito due o tre giorni prima della schiusa il pulcino si prepara alla nascita, mettendosi nella posizione che gli consentirà di bucare il guscio.
La rottura del guscio è un'operazione che stanca moltissimo il pulcino: prima deve rompere le membrane interne, poi deve bucare il guscio, quindi deve girarsi in modo da poter spingere con le zampe e creare la frattura dell'uovo.
Una volta nato, va lasciato in incubatrice ancora per qualche ora, in modo che possa riposarsi e asciugarsi.
A questo punto va messo in una gabbia o uno scatolone per qualche giorno, con un po' di mangime e sotto una lampada che emani un certo calore (circa 30-35°).
Consigliamo vivamente questa esperienza nella scuola: l'impegno non è eccessivo, l'impatto emotivo è fortissimo, le potenzialità sul piano della didattica e dell'interdisciplinarità sono infinite.

Questo video è stato girato dai bambini stessi quando i pulcini sono nati.

I pulcini
Tag: